.
Annunci online

Provarci è bene, riuscirci è meglio
Neve in chiaro - "Gli spazzaneve non passano mai!"
post pubblicato in IlConsigliere, il 21 dicembre 2010

Nevica anche oggi, il che mi fa supporre che i telegiornali riporteranno bollettini di guerra stradale. Vorrei fare un po' di chiarezza sul rapporto "neve/strada".


Per sapere quando partono gli spazzaneve e che zone fanno, dovete chiedere all'ufficio della Polizia Locale. Sappiate però che i Comuni sono tenuti a mantenere pulite le sole strade comunali mentre la provincia dovrebbe occuparsi di quelle provinciali. Solo eccezionalmente il Comune fa pulire anche le strade provinciali.
O meglio, sarebbe l'eccezione se non fosse che i mezzi cui si affida la provincia di Monza e Brianza hanno l'innata tendenza a restare bloccati nel traffico ( se non ho capito male vengono da un deposito in provincia di Como ).
Poi, lo spazzaneve passa solo quando si accumula uno strato di 5 cm circa, perché sotto quella soglia è inutile, non tira su nulla.

Poi c'è il sale.
A parte errori amministrativi e prese in giro a mo' di maggioranza a Besana, il sale non è una polverina magica, non è che la spargi e magicamente scompaiono neve e ghiaccio.
Ha bisogno di alcune condizioni :
tempo per lavorare, perché ha bisogno di mescolarsi con la neve e saturarla
- di una temperatura che non scenda sotto i -6°C , che è la temperatura di solidificazione dell'acqua saturata con sale
- e del passaggio delle auto, perché se le auto passano, sconquassano la neve, la spargono e ne facilitano lo scioglimento.

Quindi sappiate che è normale che le strade meno frequentate del vostro Comune ( e dei Comuni in cui vi recherete ) siano"sporche" e se non vivete in una strada centrale, sarà normale che cacciando il naso fuori di casa vediate uno strato di 2-3 cm di neve.

Certo che poi ci sono situazioni drammatiche a Monza, a Seregno e sulle provinciali, non si può che attribuire le giuste colpe alle amministrazioni comunali e provinciale.

Tutto questo per dire che : le amministrazioni possono sbagliare, i mezzi possono restare bloccati, uno strato di neve generalmente rimane, il sale non fa magie. Quindi portiamoci le catene e cerchiamo di guidare piano; meglio arrivare 30 min in ritardo al lavoro che restare una giornata fermi sul viale zara.

Share |

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. neve consigliere viabilità

permalink | inviato da AndreaLongoni il 21/12/2010 alle 12:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
PONTE DI MESSINA : Il Wwf: «Impossibile aprire il cantiere»
post pubblicato in Rassegna Stampa, il 15 ottobre 2009

da Corriere.it

Una nota elenca le ragioni che ostacolano l'inizio della costruzione del ponte

Non esiste un progetto esecutivo che consenta di dare il via ai lavori e mancano anche le risorse finanziarie

MILANO - Secondo il Wwf Italia la dichiarazione sull’apertura dei cantieri del ponte sullo Stretto di Messina tra la fine del 2009 e l’inizio del 2010 non è realistica. Per tre ragioni, elencate in una nota dell'associazione ambientalista:

1. Non esiste ad oggi non solo un progetto esecutivo che consenta di aprire i cantieri del ponte, ma nemmeno il progetto definitivo che serve a completare la procedura di valutazione di impatto ambientale.

2. Il Governo non ha risorse per realizzare il ponte: ad oggi ha deciso di immobilizzare, con la Delibera CIPE del 6 marzo scorso, 1,3 miliardi di euro (per un’opera come il ponte che costa 5 volte di più: 6,3 miliardi di euro); fondi che in realtà non sono immediatamente disponibili ma saranno centellinati di anno in anno dal CIPE, come stabilito dall’ultimo decreto anticrisi (decreto legge n. 185/2008).

3. Si devono ancora rivedere e aggiornare i valori dell’offerta del General Contractor (GC) e le convenzioni tra la concessionaria pubblica Stretto di Messina SpA e il GC capeggiato da Impregilo, come ammesso anche dallo stesso ministro dei trasporti e delle infrastrutture Matteoli nell’Allegato Infrastrutture al DPEF 2009-2013, visto che il GC ha vinto la gara sulle progettazioni definitiva ed esecutiva e la realizzazione del ponte e delle opere connesse, sulla base di un maxiribasso che stimava il costo dell’opera (valutato oggi dal Servizio studi della Camera dei Deputati 6, 3 miliardi di euro, all’aprile 2009) 3,9 miliardi di euro.

«Non vorremmo che pur di aprire un qualche cantiere, si spacciasse la realizzazione della bretellina ferroviaria di Cannitello (1-2 km di linea) in Calabria, opera connessa al ponte, come l’inizio dei lavori – dichiara il Wwf -. Sarebbe una beffa che in qualche modo tende a nascondere il danno già fatto a Calabria e Sicilia dirottando 1,3 miliardi di euro di Fondi FAS destinati al Sud ad un’opera, irrealizzabile per vincoli tecnici, economico-finanziari ed ambientali, invece che destinarli al risanamento del territorio».


14 ottobre 2009

CLICKA QUÌ PER PARTECIPARE AL SONDAGGIO : VERRAI A VOTARE ALLE PRIMARIE DEL 25 OTTOBRE E SE SÌ, PER CHI ?


Share |

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ponte messina viabilità sicilia calabria

permalink | inviato da AndreaLongoni il 15/10/2009 alle 6:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sfoglia novembre       
calendario
cerca