Blog: http://AndreaLongoni.ilcannocchiale.it

Materna Madre Matrona

Piccole e sparse pennellate di bianco

velano le tue dolci curve,

così verdi e così rigogliose,

di donna ferma nel freddo inverno.


Materna madre matrona,

dall'animo ambiguo

dei colori dell'autunno,

caldi e freddi e miti.


Il movimento non muove l'immagine,

ferma nel freddo, ma è un dipinto

di colori ad olio, incerti nel fissarsi,

confusi al tocco del pennellino.


Profumi di fabbrica, di carta e di inchiostro,

profumi di umido fresco, color della neve,

colore del muschio, color delle foglie,

di rami spogli e di sempreverdi imbiancati.


Profumi di caffè nel tepore della tazza,

di sapienza e di storie, di abitudini;

profumi di casa e di ricordi da cortile

e di lotte e di fare e di speranze.


Negli occhi grigioazzurri,

cinti di vecchiaia,

parole ricordano i calendari

e la forza dei tuoi semi.


Di piante che nate nutrite dai tuoi seni,

ora stanche nel loro operare,

fan pause d'inchiostro provinciale

e la rosa e le carte la sera.


Riposiamo anche noi,

quel tanto che basta, quel tanto che serve.

Riposammo anche noi

e tornammo ciascuno al proprio mestiere.


Ogni tanto guardandoti mi chiedo

quanto questa semenza sia degna

di dirsi futuro del tuo passato,

figlio delle tue membra.


Madre materna e matrona,

dall'abbraccio che è dolce, che è rosso,

dallo schiaffo che è duro, che è grigio.

Per qualche figlio tuo matrigna.


Ogni tanto guardandoti vedo

le cicatrici di figli maldestri

o malintenzionati e malevoli,

capaci di suggere fino all'ultima


goccia di latte e poi picchiarti

e lasciarti indelebili segni

che dalla pelle arrivano al cuore,

inquinando di male persino le lacrime.


Ogni tanto guardandoti vedo

i viali gentili e tappeti dorati e

le gialle pareti e un cielo così azzurro

che non posso che sorridere e piangere


ed amarti come s'ama una madre

e proteggerti come si protegge una madre

e ammirarti come si ammira una madre

e sperare di essere un meritevole figlio.


Andrea Longoni 26/11/2010

Pubblicato il 26/11/2010 alle 15.59 nella rubrica Poesia.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web